FAQ

Posso seguire lo stato del mio ordine?

Puoi seguire lo stato del tuo ordine accedendo alla tua area personale (cliccando sul tuo nome e cognome in alto a destra) ed accedendo poi alla sezione I MIEI ORDINI. 

Qual è la procedura per acquistare un servizio tecnico relativo a immobili superiori ai 1000 mq?

Se hai intenzione di acquistare una perizia immobiliare, un APE o una relazione di conformità per immobili che superano i 1000 mq:

1. Vai sulla pagine del servizio desiderato;
2. Seleziona dal menu a tendina "Tipologia immobile" la dimensione del tuo immobile;
3. Compila tutti i campi obbligatori con i dati richiesti;
4. Clicca su "Richiedi preventivo"

Nel giro di qualche giorno ti invieremo il nostro preventivo.

Cosa devo fare quando ricevo il preventivo?

Quando ricevi il preventivo per l'acquisto di uno dei nostri servizi, puoi decidere se accettare o meno l'offerta. Per farlo:

1. Accedi alla tua area personale (cliccando sul tuo nome e cognome in alto a destra)
2. Entra nella sezione I MIEI PREVENTIVI dove troverari la lista di preventivi da te richiesti
3. In corrispondenza del preventivo richiesto clicca su "Mostra dettagli", si aprirà una finestra con i dettagli del prodotto e un box nel quale troverai scritto il prezzo del preventivo
4. Per accettare o rifiutare il preventivo, clicca su uno dei due tasti che troverai in fondo alla pagina: "Accetta" o "Rifiuta"
5. Una volta accettato il preventivo, clicca sul pulsante "Trasforma in ordine"
6. Il tuo preventivo verrà trasformato in un ordine vero e proprio e verrai direttamente reindirizzato nel carrello
7. Procedi al pagamento, per concludere l'ordine

Come potrò ricevere il documento che ho acquistato?

Riceverai il documento finale in PDF via e-mail all’indirizzo fornito in fase di richiesta.

Quali tipologie di immobili possono essere oggetto del DNA CASA e DNA CASA LIGHT?

Esclusivamente immobili di tipo residenziale, come appartamenti e abitazioni  e relative pertinenze (box, cantine, …)

Quali tipologie di immobili possono essere oggetto di perizia, APE o Relazione di conformità?

Immobili di tipo residenziale, come appartamenti e abitazioni e immobili di tipo non residenziale, come uffici, negozi, edifici industriali e terreni.

Cosa devo fare se ho necessità di spostare la data o l'ora del sopralluogo?

Lascia un messaggio nella sezione Contatti di questo sito indicando i riferimenti della tua richiesta. Verrai ricontattato al più presto.

Come si svolge il sopralluogo?

Prima di effettuare il sopralluogo il perito incaricato analizza la documentazione relativa all’immobile. Il sopralluogo viene effettuato in prima persona dal perito incaricato, che dopo un primo rilievo esterno si occupa dell’ispezione dei locali interni.

Durante l’ispezione il perito fotografa i locali più significativi per documentare lo stato dei luoghi, procede inoltre alle misurazioni per verificare le reali proporzioni della planimetria catastale e ottenere il calcolo esatto della superficie.

Al termine del sopralluogo il perito consegna la ricevuta di avvenuto sopralluogo e la lista dell’eventuale documentazione integrativa necessaria per completare la valutazione.

Chi sono i periti della rete CRIF?

Nelle pagine dedicate ai singoli servizi, all'interno della sezione TEMPI, sono indicate le tempistiche in modo dettagliato.

Il perito incaricato ha esperienza sulla mia zona?

Per garantire che ogni perito esegua valutazioni solo sulle aree geografiche di propria competenza, CRIF RES assegna gli incarichi soltando nelle zone in cui il perito ha esperienza e conoscenza approfondita del mercato locale.

Come viene fissato l'appuntamento per il sopralluogo?

CRIF RES si avvale di un ufficio di Contact Center che entro massimo due giorni lavorativi dalla ricezione dell'ordine, contatta telefonicamente il richiedente per fissare la data e l'ora del sopralluogo.

Perché sono necessari tutti questi documenti?

I documenti richiesti sono fondamentali per svolgere il servizio richiesto.

In particolare i documenti autorizzativi o le deleghe permettono al tecnico di aver accesso agli atti depositati presso gli Uffici Comunali o agli Archivi del Catasto o della Conservatoria per conto del proprietario dell'immobile.
I documenti sull'immobile sono necessari per poter svolgere le dovute analisi e valutazioni sull'immobile oggetto del servizio.

Senza i documenti richiesti potremmo non essere in grado di procedere con il servizio!

Quali documenti sono necessari per svolgere una perizia di tipo residenziale?

Il documenti necessari per svolgere la perizia sono:
- Atto di provenienza dell'immobile o del terreno (può essere l'atto di     compravendita, donazione, divisione, testamento, denuncia di successione   oppure sentenza di usucapione)
- Planimetria catastale
- Visura catastale storica
In alcuni casi potrebbe servire anche la documentazione attestante la legittimità urbanistica edilizia.

Se li possiedi già, caricali nella sezione del form al momento della richiesta, altrimenti potrai inviare i documenti in un secondo momento all’indirizzo acquistoservizi@crifres.it
Per saperne di più CLICCA QUI

Quali documenti sono necessari per redigere un APE?

I documenti indispensabili per la redazione dell'APE sono:
- Planimetria catastale
- Visura catastale storica

Per effettuare con maggior accuratezza la redazione dell’APE si rivelano estremamente utili anche:
- Certificazione di conformità degli impianti
- Libretto della caldaia con lo storico delle manutenzioni
- Documentazione attestante la legittimità urbanistica edilizia
Per saperne di più CLICCA QUI

Quali documenti sono necessari per la Relazione di conformità urbanistica e catastale?

I documenti indispensabili per la redazione della Relazione di conformità urbanistica e catastale dovranno essere a disposizione del perito il giorno del sopralluogo e sono:
- Atto di provenienza dell'immobile (può essere l'atto di compravendita,  donazione, divisione, testamento, denuncia di successione oppure sentenza di  usucapione)
- Planimetria catastale
- Visura catastale storica
- Elaborato planimetrico
- Estratto di mappa
- Titoli edilizi rilasciati dal Comune completi di grafici

Se li possiedi già, caricali nella sezione del form al momento della richiesta, altrimenti potrai inviare i documenti in un secondo momento all’indirizzo acquistoservizi@crifres.it
Per saperne di più CLICCA QUI

Quali documenti sono necessari per redigere il DNA CASA?

I documenti necessari per la redazione del DNA CASA sono:
- Autorizzazione e informativa privacy firmati dal proprietario dell'immobile (scaricabili nella sezione DESCRIZIONE)
- Copia documento d'identità del proprietario dell'immobile
- Atto di provenienza dell'immobile (può essere l'atto di compravendita, donazione, divisione, testamento, denuncia di successione oppure sentenza di usucapione)
- Planimetria catastale
- Visura catastale storicaCertificazione di conformità degli impianti
- Libretto della caldaia con lo storico delle manutenzioni


Se li possiedi già, caricali nella sezione del form al momento della richiesta, altrimenti potrai inviare i documenti in un secondo momento all’indirizzo acquistoservizi@crifres.it

Quali sono i tempi di consegna una volta effettuato l'acquisto di un servizio CRIF RES?

I tempi di consegna dei nostri servizi non sono standard. Le tempistiche possono variare in base al servizio acquistato.
Nelle pagine dedicate ai singoli servizi, all'interno della sezione TEMPI, sono indicate le tempistiche in modo dettagliato. 

Quali modalità di pagamento sono disponibili?

Il pagamento può essere effettuato sia tramite carta di credito che tramite bonifico bancario (SOFORT).

Che cos'è SOFORT?

SOFORT è un sistema di pagamento online che offre un servizio di bonifico diretto. Per eseguire il bonifico bancario diretto con Sofort, basta essere titolari di un conto home banking con una banca che ha aderito a Sofort. 

In questo modo si potrà trasferire denaro in maniera diretta, sicura e veloce, beneficiando dei massimi standard di sicurezza per concludere i propri acquisti online.

Che cos’è il Rapporto Estimativo di CRIF RES?

Il Rapporto Estimativo è il documento di perizia redatto dal perito alla fine del processo di perizia. Il documento contiene il valore di mercato dell'immobile, che il perito stesso ha calcolato  in base a metodi e standard riconosciuti a livello internazionale, dopo aver effettuato il sopralluogo, analizzato la documentazione ed eseguito le necessarie ricerche di mercato.

Che cos’è il valore di mercato?

Il valore di mercato è "l'importo stimato al quale l'immobile verrebbe venduto alla data della valutazione in un'operazione svolta tra un venditore e un acquirente consenzienti, alle normali condizioni di mercato dopo un'adeguata promozione commerciale, nell'ambito della quale entrambe le parti hanno agito con cognizione di causa, con prudenza e senza alcuna costrizione" (European Valutation Standard 2016 - TEGoVa).

E' un'informazione fondamentale per acquistare, vendere o affittare una casa oppure per darla in garanzia di un finanziamento, ma anche per affrontare situazioni particolari quali la separazione coniugale e la divisione ereditaria.

Tuttavia differisce, spesso anche in maniera significativa, dal prezzo di vendita ovvero il prezzo al quale viene conclusa la compravendita dell'immobile e che risulta dalla trattativa tra venditore e acquirente.

Cosa succede dopo il Sopralluogo?

Una volta che il perito ha eseguito il sopralluogo, il processo di perizia prosegue con le seguenti fasi:
1. Valutazione
Il perito incaricato analizza la documentazione e i dati raccolti durante il sopralluogo, effettua una ricerca di mercato approfondita ed infine esegue la valutazione tramite l'applicazione del metodo di stima più idoneo, scegliendo tra quelli riconosciuti dai principali standard valutativi internazionali.
2. Controllo qualità
Il perito invia la perizia agli specialisti dell'Ufficio Qualità di CRIF RES, che ne verificano la completezza, la correttezza e la conformità agli standard valutativi previsti dall'Istituto.
3. Evasione
Una volta validata dal Controllo Qualità di CRIF RES, la perizia viene evasa. L'esito del processo di perizia è il "Rapporto Estimativo", un documento conforme alle normative vigenti che, oltre alla stima del valore dell'immobile, contiene tutte le informazioni di dettaglio che hanno portato alla valutazione.

Si può seguire lo stato della propria pratica nella sezione "Dov'è la mia perizia" di questo sito. Se vedi la sezione ma non riesci ad accedere, significa che non è ancora attiva. Una volta completate tutte le altre sezioni, potrai entrare nella sezione "Dov'è la mia perizia"

La superficie è sufficiente per calcolare il valore di mercato di un immobile?

La valutazione di un immobile sulla base della superficie, espressa a metro quadro, non prende in considerazione tutti gli elementi che concorrono a determinare il suo valore.

Per una stima precisa e attendibile del valore di mercato di un immobile, infatti, sono necessari il sopralluogo e l'analisi della documentazione tecnica sull'immobile, indispensabili per accertarne la proprietà, l'esistenza di trascrizioni pregiudizievoli, iscrizioni ipotecarie o eventuali servitù, e per verificare la legittimità edilizio-urbanistica, tutti elementi che possono influenzare il valore del bene.

Il limite della valutazione di un immobile basata sul valore al metro quadro è ancora più evidente nel caso in cui l'immobile costituisca la garanzia per un finanziamento. Ecco perché le banche, per valutare l'immobile a garanzia di finanziamento, richiedono una perizia aggiornata effettuata secondo procedure di valutazione standard strutturate e attendibili, come quelle utilizzate da CRIF RES.

Come vengono considerati gli abusi nella perizia immobiliare CRIF RES?

In caso di acquisto o vendita di un immobile è importante tener conto degli eventuali abusi edilizi che possono inficiarne il valore.

In particolare in caso di richiesta di mutuo, per le banche è fondamentale che l’immobile venga valutato secondo gli standard internazionali che impongono di considerare puntualmente l’impatto degli abusi edilizi sul valore dell’immobile, così come viene fatto nell’esecuzione della perizia immobiliare CRIF RES.

Quali tipologie di immobili è possibile valutare con la perizia CRIF RES?

Attraverso una rete di oltre 500 valutatori che copre l'intero territorio nazionale, CRIF RES fornisce perizie relative a:
- immobili residenziali
- immobili destinati ad uso commerciale e industriale (negozi, uffici, capannoni, fabbricati, ecc.)

Ho problemi ad eseguire l'accesso/la registrazione

Scrivi a valutazioneimmobili@crif.com indicando i riferimenti della tua richiesta (es. nome richiedente, data richiesta, codice della pratica, ecc.)

Ho cancellato per sbaglio il messaggio che conteneva il codice d'accesso

Verrai contattato telefonicamente per fissare il sopralluogo e in quell'occasione potrai richiedere di ricevere nuovamente il codice personale.

Sanatoria e Condono: che differenza c'è?

Il Condono è una legge speciale, mentre la Sanatoria è un provvedimento amministrativo normalmente consentito dalla normativa urbanistica vigente.

Sanatoria
Nel caso di interventi edilizi effettuati senza permesso o con permesso difforme ma assentibili, è possibile chiedere una Sanatoria - una volta denominata Concessione edilizia in sanatoria e disciplinata dal Testo Unico dell’Edilizia – che ristabilisca la regolarità rispetto all’abuso. Per essere concessa, una Sanatoria deve avere una doppia conformità, sia verso la disciplina urbanistica sia verso quella edilizia vigenti; inoltre questa conformità deve sussitere sia al momento della realizzazione dell’abuso che al momento della richiesta di sanatoria.

Condono
Il Condono edilizio è una legge speciale che permette di ottenere l’annullamento, totale o parziale, di una pena legata a un abuso edilizio; ha validità temporale limitata e funziona come una deroga alla normativa vigente. Attraverso il Condono quindi si riescono a sanare interventi solitamente non permessi dalla normativa, ma solo se realizzati in determinati periodi, previsti nel Condono stesso; con esso inoltre si è obbligati al pagamento di sanzioni sia all’amministrazione comunale che allo Stato. Per questo è stato utilizzato come strumento di drenaggio fiscale dai Governi in periodi di necessità.

Cosa sapere e cosa fare in caso di donazione di un immobile?

In caso di acquisto di un immobile che in precedenza è stato oggetto di donazione occorre verificare che non ci siano delle azioni che possano revocarla. Le ragioni della revocazione sono le seguenti:

1- Ingratitudine del donatario: quando il donatario ha commesso degli atti illeciti gravi nei confronti del donante,ovvero di è reso colpevole di ingiuria grave. La domanda di revocazione della donazione per ingratitudine deve essere proposta dal donante o dai suoi eredi, entro 1 anno dal giorno in cui il donante è venuto a conoscenza del fatto.
In questo caso si consiglia di verificare che la domanda di revocazione della donazione non sia stata trascritta nei pubblici registri immobiliari.

2- Sopravvenienza di figli: nel caso in cui al tempo della donazione il donante non aveva o ignorava di avere figli o discendenti legittimi e in caso di sopravvenienza di questi. La domanda di revocazione della donazione per sopravvenienza di figli deve essere proposta entro 5 anni dal giorno della nascita dell’ultimo figlio.
In questo caso si consiglia di richiedere un certificato storico di famiglia.

Cosa sapere e cosa fare in caso di successione di un immobile?

Nel caso di acquisto di un immobile che è stato dato in eredità (successione) all’attuale proprietario è necessario verificare che sia stato trascritto l’atto di accettazione anche tacita e che le relative imposte siano state interamente pagate, richiedendo una copia della ricevuta delle imposte.

Nel caso di successione con testamento, infine, occorre verificare anche che il de cuius non abbia leso le quote della legittima riservate ai legittimari, controllando la trascrizione nei registri immobiliari.